Come collegare un relè

di Cesario Migliaccio difficoltà: media

come collegare un relè Il relè elettromagnetico è il più diffuso ed è costituito da un elettromagnete. Esso si utilizza come separatore fisico tra il circuito di controllo e il circuito controllato; pertanto è possibile comandare circuiti in alta tensione utilizzando solenoidi a basse tensioni; inoltre con l'uso di relè è possibile controllare circuiti in alta potenza con piccole correnti di controllo, infatti è sufficiente azionare il solenoide con basse correnti per permettere la chiusura o lo scambio di contatti dove può circolare un'alta corrente. I relè si usano su schede elettroniche, in quadri elettrici o negli impianti di illuminazione. Di seguito, i passaggi per collegare un relè.

Assicurati di avere a portata di mano: Relè Cacciavite Zoccolo specifico per relè

1 come collegare un relè Esistono diversi tipi di relè, essi si distinguono per funzione, potenza e numero di scambi; fra le funzioni più comuni possiamo distinguere: i relè pulsante, i relè interruttore, i relè commutatore; tutti questi tipi possono avere scambi multipli: uno, due, o tre contatti. Negli impianti di illuminazione elettrica essi vengono impiegati per permettere l'accensione di una stessa linea elettrica da molteplici punti di comando senza l'utilizzo di particolari interruttori chiamati invertitori che complicherebbero il circuito e ne farebbero aumentare il costo, infatti è sufficiente che lo stesso solenoide del relè venga alimentato da più punti, con pulsanti in parallelo, per consentire la chiusura dei contatti attraverso una sola linea di comando. Per il suo collegamento bisogna individuare i due contatti del solenoide, normalmente a morsetto con vite, presenti sul corpo del relè, individuabili facilmente perché di solito la sua configurazione è stampigliata sul corpo stesso. Fatto ciò bisogna collegare a polo comune uno dei due e l'altro alla linea di ritorno dei pulsanti che, praticamente, porta l'altro polo; in questo modo, qualunque pulsante venga premuto azionerebbe il solenoide producendo lo scambio.

2 come collegare un relè Altre categorie di relè sono quelle impiegate per l'azionamento di motori elettrici o carichi di alta potenza. Normalmente i carichi di alta potenza necessitano di contatti robusti che possano tollerare correnti molto più alte di quelle nominali di funzionamento degli apparecchi che alimentano, ciò perché all'atto dell'accensione, ad esempio di gruppi di lampade o motori elettrici, si produce, nell'istante in cui si chiude il contatto, uno scintillio che col tempo può deteriorare il contatto stesso; pertanto non è conveniente affidare il funzionamento di tali apparecchiature all'interruttore di comando. In questi casi si interpone il relè che garantisce di essere controllato con una bassa corrente e poter chiudere contatti sufficienti ad evitare scintilli e falsi contatti. Troviamo relè di questo tipo in schede elettroniche che controllano aperture elettriche, saracinesche, motori, nelle automobili (l'accensione dei fari, il motore di avviamento), etc. Anche in questo caso bisogna scegliere il tipo di relè da impiegare, il tipo di pin (a saldatura o a vite), la tensione di controllo e la massima corrente sopportata sugli scambi.

Continua la lettura

3 Vista la grande varietà di tipi di relè sul mercato è necessario effettuare una scelta oculata sul tipo di componente da impiegare, normalmente vengono fornite le schede tecniche che aiutano ad effettuare la scelta.  I relè vengono classificati in base alle seguenti grandezze: Voltmetrici, Tachimetrici, Wattmetrici, Amperometrici, Frequenzimetrici e ad impedenza.  Approfondimento Come realizzare un trasformatore 5v - 12v (clicca qui) Grazie all'utilizzo di trasduttori tali grandezze possono anche non essere elettriche.  Un ulteriore classificazione è fatta in base al loro funzionamento: Termico, Magnetico, Magnetotermico e ad induzione.  La suddivisione può essere anche fatta in base alla grandezza misurata: Differenziale, di minima e di massima.  Ci sono anche diversi tipi di contatti chiamati: SPDT, SPST, SPCO, DPST, DPDT, DPCO.. 

Non dimenticare mai: Controllare attentamente le tensioni nominali specificate nella scheda tecnica del relè Alcuni link che potrebbero esserti utili: it.wikipedia.org/wiki/Relè

Come pilotare i motori passo passo con Arduino Come funzionano i motori passo passo Come funziona iChat Come assemblare un pc

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili